Come aggiornare WordPress in modo sicuro

Come aggiornare in sicurezza WordPress

Aggiornare WordPress è un passo fondamentale per garantire la sicurezza, le prestazioni e le funzionalità del tuo sito web.

In questo articolo, scopriremo come aggiornare WordPress.

Ti guiderò attraverso il processo in modo sicuro e senza intoppi. Imparerai l’importanza degli aggiornamenti, i passaggi da seguire e i suggerimenti per evitare problemi durante l’aggiornamento.

Sei pronto? Buona lettura!

Vuoi saperne di più su WordPress? Leggi la mia guida “Creare un sito con WordPress”.

Perché aggiornare WordPress

Aggiornare WordPress è un passo fondamentale per diversi motivi, che esploreremo in dettaglio.

1. Sicurezza: uno dei motivi principali per aggiornare WordPress è la sicurezza. Ogni nuova versione di WordPress include correzioni di sicurezza per affrontare vulnerabilità e minacce note. Senza aggiornamenti regolari, il tuo sito web potrebbe diventare vulnerabile agli attacchi di hacker e malware. Mantenere il core di WordPress, i plugin e i temi aggiornati è una delle migliori pratiche per proteggere il tuo sito.

2. Correzione di bug: le nuove versioni di WordPress includono anche correzioni per bug e problemi noti. Aggiornare il software garantisce un funzionamento ottimale del tuo sito web, eliminando problemi che potrebbero influire sulla sua usabilità o sulle prestazioni.

3. Compatibilità: gli aggiornamenti di WordPress sono spesso accompagnati da aggiornamenti dei plugin e dei temi. Mantenere tutto aggiornato garantisce la compatibilità tra le diverse componenti del tuo sito. Se una nuova versione di WordPress è incompatibile con un plugin o un tema datato, potresti incontrare problemi di funzionamento.

4. Nuove funzionalità: ogni nuova versione di WordPress introduce nuove funzionalità, miglioramenti e miglioramenti delle prestazioni. Aggiornare consente di beneficiare di queste innovazioni e di sfruttare al meglio le ultime tecnologie web.

5. Prestazioni migliorate: gli aggiornamenti spesso ottimizzano le prestazioni di WordPress. Ciò significa che il tuo sito web caricherà più velocemente e sarà più reattivo, migliorando l’esperienza dell’utente e contribuendo al posizionamento sui motori di ricerca.

Per tutti questi motivi aggiornare WordPress è fondamentale. E lo stesso vale per il tema e i plugin adoperati. Ma prima di procedere, c’è una operazione preliminare da svolgere…

I preparativi prima dell’aggiornamento

I preparativi per l’aggiornamento di WordPress sono un passaggio critico per garantire che l’aggiornamento si svolga senza problemi e che il tuo sito rimanga operativo e sicuro.

Si tratta di due attività:

  1. Backup completo del sito: utilizza un plugin di backup affidabile per creare una copia di sicurezza completa del tuo sito web. Questo dovrebbe includere tutti i file del sito e il database. In questo modo, puoi ripristinare il sito se l’aggiornamento dovesse causare problemi. Se disponi di un piano hosting avanzato, come i piani di Siteground, è probabile che tu abbia attivo un sistema di backup automatico quotidiano. Potresti, a questo punto, non avere bisogno di un plugin di backup.
  2. Verifica dei plugin e dei temi: assicurati che i temi, i plugin e gli addon che hai installato siano compatibili con la nuova versione di WordPress. Solitamente questa informazione è fornita nella sezione Bacheca > Aggiornamenti del tuo pannello di controllo. In alternativa, puoi visitare le pagine dei plugin e dei temi sul repository di WordPress o sul sito web degli sviluppatori. Se un plugin o un tema non è compatibile, cerca alternative o attendi l’aggiornamento del plugin o del tema.

Prima di procedere con l’aggiornamento di WordPress, assicurati di avere la versione più recente di tutti i plugin e dei temi installati.

I preparativi per l’aggiornamento possono richiedere un po’ di tempo, ma sono un investimento prezioso per evitare problemi e interruzioni del tuo sito. Una volta completate queste operazioni, sarai pronto per eseguire l’aggiornamento di WordPress in modo sicuro.

Come aggiornare WordPress

Aggiornare WordPress dal pannello di controllo

Il modo più semplice per aggiornare WordPress è farlo attraverso il pannello di controllo. Ogni qualvolta viene rilasciata una nuova versione del software, riceverai una notifica nella dashbord. In questo modo sarai certo di non perdere nessun update.

Per aggiornare WordPress, segui questi passaggi dettagliati:

  1. Accedi al pannello di controllo di WordPress utilizzando le tue credenziali.
  2. Nella dashboard, vai su Bacheca > Aggiornamenti. Qui troverai informazioni sugli aggiornamenti disponibili per WordPress, temi e plugin.
  3. Se è disponibile un aggiornamento per WordPress, vedrai un pulsante “Aggiorna ora”. Cliccaci sopra.
  4. WordPress avvierà il processo di aggiornamento. L’operazione può richiedere alcuni minuti, quindi attendi pazientemente. E’ importante non interrompere l’esecuzione dell’upgrade.
  5. Una volta concluso l’aggiornamento, riceverai un messaggio di WordPress. Controlla che sia tutto ok.

Aggiornare WordPress manualmente

Aggiornare WordPress manualmente è un processo relativamente semplice, ma è importante farlo con attenzione per evitare problemi.

Ecco come aggiornare WordPress manualmente:

  1. Esegui un backup completo: prima di iniziare, esegui un backup completo del tuo sito web. Questo è un passo essenziale per poter ripristinare il tuo sito in caso di problemi durante l’aggiornamento. Puoi utilizzare un plugin di backup o farlo manualmente tramite il tuo servizio di hosting.
  2. Scarica la nuova versione di WordPress: visita il sito ufficiale di WordPress all’indirizzo https://wordpress.org e scarica l’ultima versione stabile di WordPress. Di solito è presente un pulsante di download nella homepage.
  3. Disattiva i Plugin: nel tuo pannello di controllo di WordPress, vai su “Plugin” e disattiva tutti i plugin attivi. Questo eviterà potenziali conflitti durante l’aggiornamento.
  4. Carica i nuovi file: devi ora caricare i nuovi file di WordPress sul tuo server. Puoi farlo utilizzando un client FTP come FileZilla o attraverso il gestore di file del tuo servizio di hosting:
    • estrai i file dalla cartella ZIP di WordPress che hai scaricato;
    • connetti il tuo client FTP al tuo server web utilizzando le tue credenziali o accedi al file system del cPanel;
    • elimina le cartelle wp-includes e wp-admin e carica quelle contenute nella nuova versione WordPress. E’ importante non eliminare o sovrascrivere la cartella wp-content, al suo interno sono contenuti i tuoi file media;
    • sostituisci i restanti file presenti nella directory principale del sito con quelli nuovi, ad eccezione del wp-config.php, che contiene, tra le altre cose, le informazioni necessarie a stabilire una connessione con il database, e dell’htaccess, che contiene le regole di configurazione e controllo per il server web.
  5. Aggiorna il database: una volta caricati i nuovi file, potrebbe essere necessario eseguire un aggiornamento del database. Visita il tuo sito web ed esegui le istruzioni visualizzate a schermo per completare questo passaggio.
  6. Riattiva i plugin: torna al pannello di controllo di WordPress e riattiva i plugin che hai disattivato in precedenza.
  7. Controlla il tuo sito: come sempre, dopo un aggiornamento, verifica che sia tutto ok. Controlla attentamente tutte le pagine, funzionalità e plugin per accertarti che tutto funzioni correttamente.

Aggiornare WordPress manualmente ti offre un maggiore controllo sul processo, ma richiede attenzione per evitare errori. Assicurati sempre di avere un backup aggiornato prima di procedere!

Gli aggiornamenti automatici di WordPress

WordPress offre la funzionalità di aggiornamenti automatici che semplifica notevolmente il processo di mantenimento del tuo sito web.

Gli aggiornamenti automatici consentono a WordPress di scaricare e installare automaticamente le nuove versioni del core.

Di default la funzionalità non è attiva. WordPress, di default, scarica e attiva solo aggiornamenti minori, le c.d. minor release, che correggono problemi di sicurezza.

Per attivare l’aggiornamento automatico anche delle release maggiori, o al contrario bloccare completamente gli aggiornamenti automatici, leggi la mia guida sugli aggiornamenti automatici di WordPress.

Risoluzione di problemi

Durante un aggiornamento di WordPress, è possibile incontrare diversi problemi che possono causare interruzioni o malfunzionamenti del sito. È importante essere consapevoli di questi problemi in modo da poter affrontarli rapidamente.

Ecco alcuni dei problemi più comuni che potresti incontrare durante un aggiornamento di WordPress:

  1. Errore durante l’aggiornamento del core di WordPress: in alcuni casi, l’aggiornamento di WordPress può essere interrotto da un errore nel processo. Ciò può causare una interruzione del processo di aggiornamento o un malfunzionamento del sito.
  2. Incompatibilità dei plugin o dei temi: dopo l’aggiornamento di WordPress, alcuni plugin o temi potrebbero non funzionare correttamente. Problemi di visualizzazione o malfunzionamenti possono essere evitati controllando sempre le compatibilità.
  3. Errori del database: un aggiornamento potrebbe richiedere anche un aggiornamento del database del tuo sito. Se si verificano problemi di questo genere, potresti riscontrare errori critici.
  4. Errore di schermata bianca (White Screen of Death): malgrado il nome inquietante, questo è un errore comune che si verifica quando il tuo sito visualizza semplicemente una schermata bianca anziché il contenuto. Può essere causato da problemi di compatibilità, errori nei file del tema o problemi di memoria.
  5. Problemi di accesso al pannello di controllo: dopo l’aggiornamento, potresti riscontrare difficoltà nell’accesso al pannello di controllo di WordPress, ad esempio a causa di errori di autenticazione o di problemi di reindirizzamento.
  6. Lentezza del sito: in alcuni casi, un aggiornamento potrebbe influire sulle prestazioni del sito, causando una lentezza nella navigazione.

Per affrontare questi problemi, è importante essere preparati. Eseguire un backup e verificare la compatibilità di temi è plugin è fondamentale.

Molto importante è procedere con aggiornamenti progressivi. Aggiornare WordPress, i temi e i plugin in modo graduale può aiutare a prevenire potenziali conflitti.

Dopo l’aggiornamento, verifica attentamente il tuo sito per accertarti che tutto funzioni correttamente e che non siano presenti errori.

Se riscontri problemi critici o non sei sicuro di come affrontarli, considera di ottenere assistenza da un professionista esperto in WordPress.

Il rollback di WordPress

Il termine “WordPress rollback” si riferisce all’azione di tornare indietro (“rollback”) a una versione precedente di WordPress dopo aver eseguito un aggiornamento o una modifica.

In altre parole, è la procedura per ripristinare una versione precedente di WordPress, nel caso in cui l’aggiornamento o la modifica abbia causato problemi o malfunzionamenti sul tuo sito web.

Per eseguire un rollback di WordPress hai due possibilità:

  • Adoperare il plugin WP Rollback, che ti permette di effettuare rapidamente e in sicurezza il downgrade di WordPress alla versione che vuoi.
  • Procedere manualmente. In questo caso, come per l’aggiornamento manuale, dovrai scaricare la versione di WordPress che ti interessa da questo link, disattivare tutti i plugin presenti sul sito, cancellare le cartelle wp-admin e wp-includes e sostituirle con quelle scaricate, nonché sostituire i file presenti nella directory principale del sito. Come sempre, non toccare la cartella wp-content, il file wp-config.php e l’htaccess.

Una volta eseguito il rollback, se il problema non è risolto, ti consiglio di rivolgerti a un web developer esperto.

Hai bisogno di ulteriori informazioni? Lascia un commento o contattami per saperne di più!