Come installare WordPress su Aruba

Il pannello di controllo di Aruba con l'installazione di WordPress

Come installare WordPress su Aruba

Cerchi una guida su come installare WordPress su Aruba? Sei nel posto giusto! In questo articolo vedremo come svolgere questa semplicissima operazione.

WordPress è il CMS (Content Managament System) più diffuso al mondo. Se hai bisogno di una guida completa per creare il tuo sito internet, dai un’occhiata qui. Hai bisogno di un professionista? Sono a tua disposizione per realizzare qualsiasi tipo di progetto!

Web Hosting

Se non hai ancora scelto il tuo piano hosting Aruba e vuoi risparmiare tempo, Aruba ti offre due pacchetti dedicati a WordPress: salta al punto 3 di questo articolo per saperne di più. Se desideri un hosting più performante e veloce, ti consiglio di dare un’occhiata a Siteground.

Nell’articolo che segue ti mostrerò la procedura per installare WordPress su Aruba sfruttando l’applicativo inserito nel pannello di controllo. Per l’installazione manuale, ti rimando a questa guida dettagliata.

Pronto? Iniziamo!

 

Cosa serve per installare WordPress sul tuo piano hosting Aruba?

Aruba offre tantissimi piani hosting: condiviso, virtual private server (VPS), dedicato e cloud hosting. Ognuna di queste opzioni va bene, a patto che l’hosting abbia sistema operativo Linux e che offra uno o più database. Per stare all’opzione di base, l’hosting condiviso, se hai acquistato uno tra Easy, Advanced o Professional, non avrai problemi.

Se hai scelto il pacchetto Basic, dovrai verificare di aver acquistato anche un database (in questo pacchetto è opzionale), altrimenti dovrai aggiungere il servizio. In che modo? Facendo il login nella tua area clienti, cliccando su Pannello di controllo > Database > MySql > Acquista.

Se hai qualche dubbio, il consiglio è quello di contattare l’assistenza clienti di Aruba!

 

Come installare WordPress su Aruba: la guida step-by-step

La procedura è semplice:

  1. Accedi all’area clienti con le tue credenziali;
  2. In corrispondenza del dominio scelto, clicca su “Pannello di controllo”;
  3. Nella sezione “Hosting Linux”, cerca l’app “Softaculous App Installer”;
  4. Clicca su WordPress > Installa;

Ti si apre la schermata di installazione (che trovi qui sotto), all’interno della quale dovrai:

  • Scegliere la versione di WordPress che desideri installare (nel momento in cui scrivo questo articolo è la 5.2.2);
  • Selezionare l’url di installazione, ovvero il protocollo (http o https), il dominio (es. www.marcoloprete.it) e la cartella in cui installare WordPress. Se vuoi installare l’applicazione in una directory specifica, inserisci solo il nome della directory, senza / (es. “dir”). Per installare WordPress nella root (la cartella principale), lascia in bianco;
  • Inserire le informazioni sul database, ovvero: nome del database, nome utente del database, la password dell’utente MySQL e il nome host MySQL. Tutte queste informazioni ti vengono fornite al momento dell’acquisto del piano hosting oppure del servizio MySql. Per recuperarle, segui la procedura descritta qui: https://managehosting.aruba.it/Domini/spediscidatidominio.asp;
  • Definire i dati del tuo sito, ovvero nome e descrizione (sono campi che potrai modificare in qualsiasi momento dal pannello di controllo del sito);
  • Impostare l’accesso, attraverso uno username e una password, e la mail dell’amministratore del sito;
  • Selezionare la lingua;
  • Scegliere tra alcuni plugin installabili: Limit Login Attempts (Loginizer), Classic Editor e wpCentral – Manage Multiple WordPress;
  • Scegliere tra alcuni temi, ma io ti consiglio di lavorare sempre e soltanto con temi premium;

La schermata di configurazione dell'installazione di WordPress su Aruba

Compilati tutti i campi, dovrai solo cliccare su installa et voilà, avrai installato WordPress su Aruba!

 

I pacchetti di Aruba per WordPress

Aruba offre due pacchetti specifici per WordPress scegliendo i quali non dovrai installare WordPress perché esso ti verrà fornito di default. I due piani sono:

La differenza sta nel fatto che il secondo pacchetto comprende anche: aggiornamenti automatici, piattaforma ottimizzata e risorse dedicate, supporto avanzato (opzionale), ambiente di staging, backup on demand e ripristino con un click.

 

Bene, siamo ai saluti. Spero di averti fornito indicazioni utili: se è così, lascia un voto a fondo pagina!

Che voto dai a questo articolo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *