Long Tail Keyword: migliora gli accessi con la Coda Lunga di Parole Chiave

Long Tail Keyword: migliora gli accessi con la Coda Lunga di Parole Chiave

“Long Tail Keyword” è un’espressione che devi padroneggiare se vuoi aumentare le visite al tuo sito web. E già, perché la coda lunga di parole chiave è una straordinaria opportunità per migliorare il posizionamento sui motori di ricerca.

Cos’è la long tail?

Conosci la “teoria della coda lunga”? È una teoria di marketing formulata da Chris Anderson in un articolo su Wired (e poi riproposta nel best seller La coda lunga – Da un mercato di massa a una massa di mercati). La tesi è semplice, eppure fotografa bene certi modelli di business di successo (Amazon, Netflix, eBay): è più profittevole vendere un gran numero di oggetti unici in quantità piccole che vendere un numero esiguo di oggetti popolari in grandi quantità.

L’idea (che Anderson ha ripreso da un saggio del 2003 di Clay Shirky, Power laws, weblogs and inequality) può essere applicata anche alla scelta delle keyword, le parole chiave. In che modo?

Long Tail Keyword, la coda lunga che ti fa guadagnare

Applicare la strategia delle long tail keyword significa cercare di aumentare gli accessi al proprio sito puntando su una serie di parole chiave specifiche.

Cos’è una coda lunga di parole chiave?

Hai in programma un viaggio a Roma e ti serve prenotare un albergo. Apri Google e cerchi “hotel roma”. Quella che hai inserito è una short tail keyword, una tipica parola chiave. Tuttavia, potresti desiderare dei risultati più specifici. Per esempio: vuoi soggiornare in centro e spendere poco. Digiti allora “hotel roma centro economico”. Questo è un tipico esempio di long tail keyword.

Per tornare alla domanda iniziale, possiamo definire le parole chiave di coda lunga come keyword composte da quattro o più parole che identificano prodotti, servizi, bisogni, settori specifici.

Long tail keyword e seo: le conversioni

Long tail keyword e seo: le conversioni

Perché non puoi fare a meno delle parole chiave di coda lunga

Pensaci bene: quante delle ricerche che fai su Google avvengono con keyword semplici? E quante, invece, con long tail keyword? Non ti conosco, ma immagino che le seconde siano più frequenti delle prime (oltre il 70%, dicono le statistiche). Ecco, se questo non ti basta ti fornisco altre tre ragioni per studiare una coda lunga di parole chiave per posizionare il tuo sito:

  • Conversioni. Solitamente gli utenti effettuano ricerche con parole chiave lunghe e dettagliate quando conoscono bene un settore o un argomento e hanno un interesse specifico. Dunque perché non approfittarne per incrementare le conversioni? Chi cerca “computer portatile” è probabile che stia cercando di formarsi un’opinione riguardo l’oggetto in questione, i vari marchi e modelli. Chi, invece, cerca “notebook asus f556uj-xx021t” è probabile che abbia già tutte le informazioni di base e sia interessato all’acquisto.
  • Accessi. Prese singolarmente, le long tail keyword producono volumi di ricerca bassi, inferiori alle keyword generiche. Insieme, però, sono una squadra difficile da battere! Ricorda infatti che il concetto di coda lunga presuppone l’unione di più long tail keyword che, assieme, producono una gran mole di traffico.
  • Concorrenza. Le parole chiave di coda lunga hanno un tasso di concorrenza piuttosto basso. Questo significa che posizionare un sito o una pagina per queste keyword è piuttosto semplice. (Per calcolare il tasso di competitività di una keyword, potete ricorrere a tool come Semrush o al Google Keyword Planner.)
  • Target. Le long tail keyword puntano ad un target specifico, il che ti consente di intercettare la fetta di pubblico che più ti interessa, aumentando il CTR (Click Through Rate, la percentuale di click nella SERP e negli annunci AdWords) e riducendo la frequenza di rimbalzo.
  • Costo. In virtù del loro basso tasso di competitività, le parole chiave di coda lunga hanno un basso CPC (Costo Per Click) negli annunci di AdWords, il che le rende particolarmente appetibili.

Sì, ma come scelgo le mie long tail keyword?

Ci sono svariati strumenti che puoi adoperare per costruire la tua coda lunga di parole chiave. Te ne suggerisco alcuni; se ne conosci altri, segnalameli nei commenti!

  • Google AdWords Keyword Planner. Il Keyword Planner di AdWords è un potentissimo strumento gratuito per trovare nuove parole chiave e definire una long tail precisa. Crea il tuo account, se non ne hai già uno, e dopo il login clicca su “Cerca nuove parole chiave utilizzando una frase, un sito web o una categoria”. Inserisci il tipo di prodotto o servizio che ti interessa analizzare, il sito web o il settore di riferimento. Puoi anche geolocalizzare la ricerca, selezionando paesi, città e province. Per ogni keyword potrai analizzare, tra le altre cose, il volume di ricerche, la concorrenza, l’offerta consigliata per gli annunci.
  • Semrush. Uno dei più potenti tool a pagamento per la SEO e il posizionamento sui motori di ricerca. Semrush offre uno strumento di analisi keyword molto utile per la definizione di una long tail di parole chiave.
    Google Completamento Automatico. Si tratta di quella funzione che, appena digiti una keyword su Google, ti fornisce suggerimenti per affinare la ricerca. Ricordati sempre di verificare l’utilità della parola chiave con il Keyword Planner o Semrush.
  • Google Trend. E’ un tool gratuito che ti permette di capire quanto “caldo” è l’argomento di ricerca che ti interessa. Non solo: Google Trend offre anche idee nuove per le keyword, localizzate per aree geografiche.
  • Ubersuggest. E’ un tool molto utile per visualizzare tutte le parole chiave correlate alla nostra, organizzate in un elenco alfabetico.
  • Social media, forum, Yahoo Answers. Monitorare le conversazioni che intrattengono le persone è molto importante per capire cosa queste cercano online e come lo cercano. Anche qui, non dimenticare di controllare le keyword che individui con Semrush o il Keyword Planner di AdWords.
Summary
Long Tail Keyword: migliora gli accessi con la Coda Lunga di Parole Chiave
Article Name
Long Tail Keyword: migliora gli accessi con la Coda Lunga di Parole Chiave
Description
Cos'è la Coda Lunga di Parole Chiave? Leggi e scopri perché non puoi non sfruttarla per migliorare il posizionamento del tuo sito web!
Author
Publisher Name
Marco Loprete
Publisher Logo
Ti è piaciuto questo articolo?

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *